Arancino

Frutta martorana

Un impasto di farina di mandorla e zucchero dal sapore dolce e gustoso.

In linea con la tradizione vengono realizzate delle forme raffiguranti vari tipi di frutta, coloratissimi e artisticamente riprodotti da sembrare veri.

Sulla creazione di questi dolci esistono diverse teorie e leggende, di certo c'è soltanto che sono molto buoni e sono stati creati dalle Monache del convento di Santa Maria dell'Ammiraglio, a Palermo.


Si narra che all'interno del monastero le suore avessero creato uno dei giardini più belli della città e un orto con tantissimi ortaggi.


Il Vescovo, incuriosito, decise di andarlo a visitare approfittando del suo ruolo.

La visita, però, fu in pieno inverno, quando gli alberi erano spogli e l'orto non dava molti ortaggi.


Le monache allora decisero di creare dei frutti colorati con la pasta di mandorla per addobbare gli alberi spogli, e creare degli ortaggi per abbellire l'orto.

In questo modo è nata la frutta martorana con coloratissimi mandarini, arance, limoni, zucche, fave e tantissime altre riproduzioni.